Istituto di Storia dell'Arte / Atlante delle Xilografie italiane del Rinascimento

OGGETTO

definizione: stampa

SOGGETTO

titolo parallelo: Landscape with four cherubs and a dog

LOCALIZZAZIONE

Parigi, Bibliothèque nationale de France, Département des Estampes et de la photographie
inv. Bc 10, f. 96a

PROVENIENZA

DATAZIONE

sec. XVI, metà
1550 ca.

AUTORE

  • Anonimo (inventore, incisore)
ambito culturale: ambito veneziano (incisore)
ambito veneziano (inventore)
altre attribuzioni: Francesco Denanto (incisore)

EDITORI/STAMPATORI

Nicolini da Sabbio Domenico, Notizie 1557-1605

DATI TECNICI

xilografia; mm 304 x 407 ca.,
materia del supporto: carta
filigrana: da rilevare

STATO DI CONSERVAZIONE

buono

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI











STEMMI, MARCHI

tipologia: monogramma, dell'autore ?
identificazione: Francesco Denanto
descrizione: DN separati da uno spazio sormontato da una croce
Francesco Denanto

vedi scheda stemma



tipologia: timbro a inchiostro, di collezione
posizione: in basso al centro
descrizione: Corona e iscrizione "B.R" entro ovale
Bibliothèque nationale de France (Lugt 409)

vedi scheda stemma

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Xilografia in un unico blocco.
Un fiume attraversa un paesaggio pedecollinare, partendo da un mulino presso un villaggio racchiuso fra due torri e giungendo in primo piano, dove lambisce un rialzo di terreno abitato da quattro putti nudi. Uno dei fanciulli gioca con un cane intento a rosicchiare qualcosa, gli altri tre sono in piedi presso un cippo parzialmente coperto da un drappo.
Si tratta di una combinazione poco omogenea di elementi desunti dai paesaggi inventati da Domenico Campagnola. Muraro e Rosand quindi espungevano questa stampa dal suo catalogo e l'assegnavano a un imitatore. La xilografia è firmata sul cippo con un monogramma simile a quello utilizzato da Francesco Denanto, ma Gianvittorio Dillon (e con lui Muraro e Rosand) non ritiene che l'incisione del legno debba essere ascritta a lui. Passavant pensava che si trattasse del monogramma dello stampatore Domenico Nicolini da Sabbio. Lo stesso monogramma presente in questa xilografia compare anche nel primo stato di una Fuga in Egitto (ALU.0264): le due opere sono affini, sia per l'impaginato della composizione (la figura umana in primo piano sulla destra, il cippo a ospitare il monogramma, un castello sullo sfondo sinistro a mo' di quinta, ecc.) sia per quanto riguarda il segno inciso.
Altri esemplari:
Boston, Museum of Fine Arts, Katherine Eliot Bullard Fund (https://collections.mfa.org/objects/167146/landscape-with-a-mill Muraro e Rosand 1976, Washington, n. 31);
Milano, Biblioteca Ambrosiana (inv. 6991, filigrana presente ma non leggibile).

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: scansione da libro

REPERTORI

Bartsch A., Le peintre graveur, Vienne, 1803-1821, XIII, p. 385, n. 3

BIBLIOGRAFIA

Tietze H./ Tietze-Conrat E., "Campagnola's Graphic Art", in Print Collector's Quarterly, 1939, p. 469, n. 11
, Tiziano e la silografia veneziana del Cinquecento, Vicenza, 1976, p. 108, n. 39

AUTORE DELLA SCHEDA

Urbini S., 2017
Urbini S., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ALU.0263.1, https://archivi.cini.it/storiaarte/detail/12434/stampa-12434.html