Istituto di Storia dell'Arte / Atlante delle Xilografie italiane del Rinascimento

OGGETTO

definizione: stampa

SOGGETTO

identificazione: LUCREZIA
titolo parallelo: LUCRECIA
titolo: Lucrezia è sorpresa al lavoro da Tarquinio e Collatino

LOCALIZZAZIONE

New York, Metropolitan Museum of Art, Drawings and Prints (A. Hyatt Mayor Purchase Fund, Marjorie Phelps Starr Bequest, 2006)

PROVENIENZA

DATAZIONE

sec. XVI, secondo quarto
1540 ca.

AUTORE

ambito culturale: ambito veneziano (incisore)

EDITORI/STAMPATORI

Ostaus Giovanni, Notizie 1557-1567
, 1557

DATI TECNICI

xilografia; mm 93 x 142 ca.,
materia del supporto: carta
filigrana: da rilevare

STATO DI CONSERVAZIONE

buono

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: riferimento all'autore
lingua: volgare
tecnica di scrittura: a stampa
tipo di caratteri: lettere romane maiuscole
autore: Salviati, Giuseppe Porta
trascrizione: IOSE.SAL./1557










STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Xilografia in unico blocco.
La xilografia riprende uno degli affreschi –perduti- del ciclo dedicato a storie della Roma Repubblicana eseguito da Giuseppe Porta sulla facciata di Palazzo Loredan in Campo Santo Stefano. I Loredan acquisirono il Palazzo nel 1536 e Giuseppe Porta giunse a Venezia nel 1539 al seguito di Francesco Salviati. Conosciamo l'aspetto dell'affresco perduto dal quale è tratta la composizione di questa xilografia grazie a un disegno preparatorio conservato all'Ashmolean Museum di Oxford (K. T. Parker, 1972, n.687, ill. CLIII).
Si ricorda che anche dagli affreschi di Pordenone a palazzo d'Anna, sempre a Venezia, del 1533, furono ricavate xilografie (di Niccolò Vicentino: ALU.0193; ALU.0196.1).
La xilografia oggetto di questa scheda fu stampata (o ristampata) nel 1557 come illustrazione del libro di modelli di Giovanni Ostaus, La vera perfettione del disegno di varie sorti di ricami…e ogni altra arte che dia opera a disegno, Venezia. Mentre le xilografie che illustrano il libro potrebbero avere ascendenza francese, la Lucrezia dovrebbe essere stata incisa da uno xilografo veneziano (secondo Passavant da Francesco Marcolini) e preesistere alla pubblicazione di questo album figurato. Muraro e Rosand ritengono che lo stesso Giuseppe Porta sia il responsabile della riduzione del soggetto in formato rettangolare e capovolto rispetto al disegno per l'affresco.
Altri esemplari:
Parigi, Bibliothèque nationale de France (Bc 7, f. 49b)

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

ente proprietario: New York, Metropolitan Museum of Art ©
note: Creative Commons

ente proprietario: New York, Metropolitan Museum of Art ©
note: opera di confronto

REPERTORI

BIBLIOGRAFIA

Passavant J.D., Le peintre-graveur: contenant l'Histoire de la gravure sur bois, sur métal et au burin jusque vers la fin du XVI siècle [...], Paris, 1860-1864, VI, p.238, n.75 
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/passavant1860ga
Ridolfi C., Le meraviglie dell'arte (1648), Berlin, 1914-1924, I, p. 245
Lotz A., Bibliographie der Modelbücher, Leipzig, 1933
Parker K. T., Catalogue of the Collection of Drawings in the Ashmolean Museum, Oxford, 1938-2000, II, n. 687, ill. CLIII
, Tiziano e la silografia veneziana del Cinquecento, Vicenza, 1976, pp. 145-146, n. 91
Urbini S., "Libri di modelli. Repertori per le arti decorative del Rinascimento", La Collezione Gandini. Merletti, ricami e galloni dal XV al XIX secolo, Modena, 2002, pp. 41-54

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Urbini S., 2017
Urbini S., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ISBN 978-88-96445-24-2 ALU.0269, http://archivi.cini.it:80/cini-web/storiaarte/detail/13022/stampa-13022;JSESSIONID_OPAC_CINI=1A56FE74B1A166F804A26B8F29FC3626.html
aggiungi ai preferiti Torna all'esito