OGGETTO

definizione: matrice

SOGGETTO

identificazione: ULTIMA CENA
titolo parallelo: LAST SUPPER

LOCALIZZAZIONE

Modena, Gallerie Estensi, Fondo Soliani

ACQUISIZIONE NELLA RACCOLTA

tipo acquisizione: acquisto
Milano, 1887

PROVENIENZA

data uscita: 1864 (post)

data ingresso: 1864 (post)
data uscita: 1887

DATAZIONE

sec. XVI, prima metà
1520 ca. - 1530 ca.

AUTORE

DATI TECNICI

xilografia; mm 371 x 546
materia del supporto: legno

STATO DI CONSERVAZIONE

discreto
indicazioni specifiche: bordi consumati; varie spaccature; tarli

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: indicazione di responsabilità
trascrizione: FRANCISCVS. IACOBI/ DENANTO. SINDIT [in controparte]










STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Questa matrice xilografica intagliata da Francesco Denanto versa in discrete condizioni conservative. Sul recto è raffigurata la Santa famiglia con santi Rocco e Sebastiano (si vedano ALU.0402.1, ALU.0402-M), sul verso l'Ultima cena (si veda ALU.0403.1).

La Galleria Estense di Modena conserva altre quattro matrici con soggetti religiosi riferibili a Denanto, intagliate sia sul recto che sul verso (invv. 4314, 4315, 4486, 4487; si vedano ALU.0290-M, ALU.0291-M, ALU.0292-M, ALU.0294-M, ALU.0295-M, ALU.0296-M, ALU.0297-M; la ALU.0293-M è forse da considerarsi intaglio di Amico Aspertini).

Questa matrice fa parte di un nucleo di circa 2500 legni appartenuti alla famiglia modenese di stampatori/editori Soliani, attiva fin dal 1622, che pubblicava xilografie di carattere popolare e devozionale ricavandole da legni acquistati a Venezia, Ferrara, Milano ecc. La collezione comprende anche matrici di produzione antica che, nel caso di una nuova pubblicazione, a volte venivano rilavorate. Ne furono ricavate tirature moderne nel 1828 e 1864, rilegate e stampate in due cataloghi. I legni Soliani furono poi acquistati dal ‘cartolaio' milanese Pietro Barelli nel 1864: egli a volte intervenne sui legni inserendo monogrammi falsi o con altri tipi di manipolazioni. Nel 1887 le matrici tornarono a Modena ed entrarono a far parte del patrimonio della Galleria Estense in seguito all'acquisto promosso da Adolfo Venturi, allora funzionario ministeriale. Oltre ai legni Soliani, giunsero circa 160 matrici in più di proprietà Barelli (Venturi 1885; Goldoni in I legni incisi della Galleria Estense, 1986, pp. 11-29; Milano in I legni incisi della galleria Estense, 1986, pp. 31-33; Mozzo in Le matrici della Galleria Estense, 2017, pp. 222-257).

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: fotografia digitale
ente proprietario: Modena, Gallerie Estensi ©
note: Creative Commons

REPERTORI

Passavant J.D., Le peintre-graveur: contenant l'Histoire de la gravure sur bois, sur métal et au burin jusque vers la fin du XVI siècle [...], Paris, 1860-1864, I, 1863, p. 150; VI, 1864, pp. 213 s., 225 ss. 
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/passavant1860ga

BIBLIOGRAFIA

Ervas P., Girolamo da Treviso, Saonara, 2014, p. 91
Zava Boccazzi F., "Tracce per Gerolamo da Treviso il Giovane in alcune xilografie di Francesco de Nanto", in Arte Veneta, 1959, p. 73
, I legni incisi della Galleria Estense. Quattro secoli di stampa nell'Italia Settentrionale, Modena, 1986, p. 136, n. 113 (G. Benassati), fig. 113
Dillon G., "Denanto, Francesco", Dizionario Biografico degli Italiani, 1990 
http://www.treccani.it/enciclopedia/francesco-denanto_(Dizionario-Biografico)/
Depaulis T., "From Savoy to Rome: Francesco de Nanto, a Neglected Printmaker of the Early Sixteenth Century", in Print Quarterly, 2020, v. XXXVII, pp. 123-139

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Urbini S./ Piazzi M.L., 2017
Urbini S./ Piazzi M.L., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ALU.0403-M, https://archivi.cini.it/storiaarte/detail/18151/matrice-18151.html
aggiungi ai preferiti Torna all'esito