Istituto di Storia dell'Arte / Atlante delle Xilografie italiane del Rinascimento

OGGETTO

definizione: coperta di libro

SOGGETTO

titolo parallelo: CRISTOLOGICAL MONOGRAM, SYMBOLS OF THE FOUR EVANGELISTS; ST GEORGE AND THE DRAGON

LOCALIZZAZIONE

Washington D.C., Library of Congress, Lessing J. Rosenwald Collection
inv. Rosenwald Collection 313

PROVENIENZA

DATAZIONE

sec. XV, fine
1496 ca.

AUTORE

  • Anonimo (incisore, inventore)
ambito culturale: ambito ferrarese (incisore)
ambito ferrarese (inventore)

DATI TECNICI

xilografia; mm 213 x 150 ca.,
materia del supporto: carta
filigrana: da rilevare

STATO DI CONSERVAZIONE

buono

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI











STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Si tratta di un grande foglio composto da due piatti utilizzato come copertina di libro. L'esistenza di un esemplare (ALU.0370.3) dove le due immagini sono scambiate ci fa ipotizzare che si trattassero di due matrici che venivano affiancate in fase di stampa.
Su uno dei due piatti, al centro, è rappresentato entro un tondo il monogramma cristologico e ai quattro angoli i simboli degli Evangelisti; nell'altro, all'interno del tondo speculare, è rappresentato san Giorgio e il drago.
Questa xilografia, realizzata specificamente come rilegatura, fu eseguita a Ferrara alla fine del Quattrocento, probabilmente nella bottega di Lorenzo de Rossi, il prolifico stampatore attivo dagli anni Ottanta del Quattrocento che fu responsabile della maggior parte dei libri illustrati del primo Rinascimento estense. Dal punto di vista compositivo rappresenta una sintesi fra i modi della xilografia fiorentina e di quella veneziana: "The border designs and patterned ornaments of this woodcut binding are produced in the black-ground manner in Florentine style...The outline design of the figures, flowers, urns, and cherubs suggests the influence of the "popular" design of Venetian woodcuts (A Heavenly Craft, n. 21, pp. 113-116).
A tutt'oggi si conoscono i seguenti esemplari di questa xilografia: quello conservato a Berlino, assai danneggiato (ALU.0370.1), l'esemplare integro oggetto di questa scheda, che rilega il volume di Battista Fregoso, Anteros. Sive tractatus contra amorem, Milano, Lonardo Pachel 1496, conservato alla National Library di Washington, Rosenwald Collection. Il libro ha una storia collezionistica illustre: F. Cortesi, Michele Cavaleri, Cernuschi, Charles Fairfax Murray, C. W. Dyson Perrins, Lessing J. Rosenwald. Il terzo esemplare (ALU.0370.3), dove le immagini sono invertite, è menzionato da Heitz come presente nella Österreichische Nationalbibliothek di Vienna e ora all'Albertina (DG1930/286); un foglio a Boston (ALU.0370.4).

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

REPERTORI

Heitz P., "Italienische Einblättdrucke in den Sammlungen Berlin, Braunschweig, Cambridge (Mass.), Cortona, Innsbruck, London, Maihingen, New-York, Tamsweg, Wien, ...", Einblättdrucke des XV. Jahrhunderts, Strassburg, 1935, n.76

BIBLIOGRAFIA

Kristeller P., "Woodcuts as bindings", in Bibliographica. Papers on Books, their History and Art, London, 1895, I, pp. 249-251, fig. XIII
Foot Miriam M., "Battista Fregoso", in Vision of a Collector. The Lessing J. Rosenwald Collection in the Library of Congress, Washington D.C., 1991, pp. 335-338
Sander M., Copertine italiane illustrate del Rinascimento, Milano, 1936
Urbini S., "Invenzioni e derivazioni nei libri illustrati milanesi del Rinascimento", L'utilizzo dei modelli seriali nella produzione figurativa lombarda nell'età di Mantegna, Milano, 2012, pp. 149-159, pp. 149-159

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Urbini S., 2018
Urbini S., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ISBN 978-88-96445-24-2 ALU.0370.2, http://archivi.cini.it:80/cini-web/storiaarte/detail/18633/coperta-libro-18633;JSESSIONID_OPAC_CINI=92A482DAA70B06E3B100A2881DEE05D2.html
aggiungi ai preferiti Torna all'esito