Istituto di Storia dell'Arte / Atlante delle Xilografie italiane del Rinascimento

OGGETTO

definizione: matrice

SOGGETTO

titolo parallelo: CRUCIFIXION WITH ANGELS COLLECTING THE BLOOD OF CHRIST, 'THE SEVEN WORDS' AND THE STS FRANCIS OF ASSISI AND JEROME

LOCALIZZAZIONE

Modena, Gallerie Estensi, Fondo Barelli

ACQUISIZIONE NELLA RACCOLTA

tipo acquisizione: acquisto
Milano, 1887

PROVENIENZA

data uscita: 1887

DATAZIONE

sec. XVI, prima metà
1500 ca. - 1550 ca.

AUTORE

  • Anonimo (incisore, inventore)
ambito culturale: ambito nord-italiano

DATI TECNICI

xilografia; mm 254 x 355, 27 (spessore matrice) ca.,
materia del supporto: legno

STATO DI CONSERVAZIONE

buono
indicazioni specifiche: tarli; spaccature

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: didascalica
tipo di caratteri: numeri arabi
autore: Pietro Barelli
trascrizione: 1479 [in controparte]










STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

La matrice appartiene alla raccolta Soliani-Barelli della Galleria Estense di Modena. Raffigura una Crocifissione con angeli che raccolgono il sangue di Cristo, le sette parole e i santi Francesco e Girolamo. Si conserva solo la parte superiore della composizione che è una derivazione da una matrice Soliani di analogo soggetto (n. inv. 4355, ALU.0425-M, ALU.0425.1) alla quale è stato aggiunto il motivo delle sette parole.

Le iscrizioni che riportano quattro delle sette parole (tre dovevano essere nella parte inferiore perduta) sono illeggibili e non sono intagliate in controparte, in questo modo risultano in controparte nella stampa.

Sul verso di questa matrice un'altra mano ha intagliato un'Ultima cena con ogni probabilità più tarda (ALU.0427-M, ALU.0427.1).

Il tassello apocrifo con l'iscrizione "1479" è stato inserito da Pietro Barelli allo scopo di tirare nuove stampe del legno falsificato, spacciandole per antiche e firmate (Milano 2000, Piazzi 2017).

Questa matrice non fa parte del nucleo di circa 2500 legni appartenuti alla famiglia modenese di stampatori/editori Soliani, fondo acquistato nel 1864 dal ‘cartolaio' milanese Pietro Barelli, ma è stata acquisita da Barelli in un altro momento e non ne è nota la localizzazione precedente. Fa parte di un gruppo di circa 160 matrici mai appartenute ai Soliani (tra cui ALU.0054-M, ALU.0405-M, ALU.0411-M), e arriva a Modena nel 1887, quando Venturi compera dal figlio di Pietro, Napoleone Barelli, il fondo Soliani per destinarlo finalmente alle collezioni Estensi.

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: fotografia digitale
ente proprietario: Modena, Gallerie Estensi ©
note: Creative Commons

REPERTORI

BIBLIOGRAFIA

, I legni incisi della Galleria Estense. Quattro secoli di stampa nell'Italia Settentrionale, Modena, 1986, pp. 83-84, n. 26/2 (M. Goldoni), tav. 21, n. 26/2
, Achille Bertarelli e Trieste. Catalogo delle stampe donate alla Biblioteca Civica Attilio Hortis, Milano, 2000, pp. 106-107, n. 6 (F. Nodari), p. 107
Milano A., "Le falsificazioni Barelli", Achille Bertarelli e Trieste. Catalogo delle stampe donate alla Biblioteca Civica Attilio Hortis, Trieste, 2000, pp. 79-93
Piazzi M.L., "Manipolazioni e falsificazioni nelle matrici xilografiche Soliani-Barelli e Mucchi", in Studi di Memofonte, 2017, N.S., pp. 134-158, p. 146, nota 60 
http://www.memofonte.it/contenuti-rivista-numero-speciale/m.l.-piazzi-manipolazioni-e-falsificazioni-nelle-matrici-xilografiche-soliani-barelli-e-mucchi.html

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Piazzi M.L., 2018
Piazzi M.L., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ALU.0426-M, http://192.168.3.88:8180/cini-web/storiaarte/detail/20066/matrice-20066;JSESSIONID_OPAC_CINI=9574138944E761E34D40B454982CBE91.html
aggiungi ai preferiti Torna all'esito