Istituto di Storia dell'Arte / Atlante delle Xilografie italiane del Rinascimento

OGGETTO

definizione: stampa

SOGGETTO

titolo parallelo: ST BRIDGIT HAS A VISION OF THE CRUCIFIXION WITH THE MADONNA AND ST ELIZABETH

LOCALIZZAZIONE

New York, Metropolitan Museum of Art, Harris Brisbane Dick Fund

ACQUISIZIONE NELLA RACCOLTA

tipo acquisizione: acquisto
1917

PROVENIENZA

data uscita: 1917

DATAZIONE

sec. XVI, prima metà
- 1550 ca.

AUTORE

  • Anonimo (incisore, inventore)
ambito culturale: ambito italiano (incisore/ inventore)

DATI TECNICI

xilografia; coloritura in arancione; mm 355 x 258 ca.,
materia del supporto: carta
filigrana: da rilevare

STATO DI CONSERVAZIONE

buono

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: di titolazione
lingua: volgare
tipo di caratteri: lettere capitali
trascrizione: IL SS.MO CROCEFISSO DI S. PAOLO DI ROMA CHE PARLÒ A S. BRIGIDA

tipologia: sacra
lingua: latino
tipo di caratteri: lettere capitali
trascrizione: I.N.R.I.

tipologia: didascalica
lingua: latino
tipo di caratteri: lettere capitali
trascrizione: MATER DEI

tipologia: didascalica
lingua: latino
tipo di caratteri: lettere capitali
trascrizione: S. ELISABETAS

tipologia: didascalica
lingua: volgare
tipo di caratteri: lettere capitali
trascrizione: S. BRIGIDA






STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

La xilografia raffigura il miracolo del crocifisso di San Paolo fuori le mura che rivolse parola a santa Brigida in preghiera. Alla rappresentazione del miracolo sono aggiunte santa Elisabetta e la Madonna.

Brigida, fondatrice dell'ordine religioso del Santo Salvatore nel 1370 e canonizzata nel 1391, fu molto venerata in Italia centrale e meridionale.

La stampa veniva con ogni probabilità impiegata nella devozione privata.
L'iconografia godette di un certo successo nella stampa, lo provano le diverse altre versioni note, tutte basate sullo stesso modello figurativo, riproposto in maniera pedissequa. È il caso di due matrici xilografiche Soliani conservate presso la Galleria Estense di Modena (nn. invv. 4443, 4312; https://www.gallerie-estensi.beniculturali.it/collezioni-digitali/id/46418 ,https://www.gallerie-estensi.beniculturali.it/collezioni-digitali/id/46287) e della xilografia presso il British Museum di Londra (n. inv. 1891,0326.131; http://www.britishmuseum.org/research/collection_online/collection_object_details.aspx?objectId=1641341&partId=1&).

La stampa in questione è con ogni probabilità la più antica e presenta un'incongruenza nel pavimento che le altre non hanno. La versione più affine per l'esatta corrispondenza della carpenteria del crocifisso e il simile trattamento del fondo stellato (sebbene tratteggiato con linee orizzontali e non verticali) è una delle due matrici modenesi (n. inv. 4443, che ha però dimensioni minori). L'altra versione modenese (n. inv. 4312) e quella londinese hanno lo sfondo più semplice, le stesse dimensioni e sono con ogni probabilità più tarde.

La riproposizione letterale di immagini sacre o miracolose attraverso i secoli e le aree geografiche rende molto difficile proporre una datazione e un ambito per xilografie come questa. Si tratta inoltre di un esemplare da una matrice piuttosto rovinata (sono presenti spaccature, tarli e i bordi sono irregolari), con ogni probabilità è dunque una tiratura tarda.

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: fotografia digitale
ente proprietario: New York, Metropolitan Museum of Art ©

REPERTORI

BIBLIOGRAFIA

, I legni incisi della Galleria Estense. Quattro secoli di stampa nell'Italia Settentrionale, Modena, 1986, pp. 100-101, n. 46 (M. Goldoni), tav. 36, n. 1/46

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Piazzi M.L., 2018
Piazzi M.L., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ISBN 978-88-96445-24-2 ALU.0434.1, http://archivi.cini.it:80/cini-web/storiaarte/detail/20606/stampa-20606;JSESSIONID_OPAC_CINI=A3C5808B50935E8C6402DC413398EE0E.html
aggiungi ai preferiti Torna all'esito