Istituto di Storia dell'Arte / Atlante delle Xilografie italiane del Rinascimento

OGGETTO

definizione: stampa

SOGGETTO

titolo parallelo: MADONNA AND CHILD IN AN ALMOND ON THE CRESCENT MOON
titolo: Madonna in gloria con il Bambino e orazione

LOCALIZZAZIONE

Berlino, Staatliche Museen, Kupferstichkabinett
inv. 485-112

PROVENIENZA

DATAZIONE

sec. XV, fine
1490 ca. - 1500 ca.

AUTORE

  • Anonimo (incisore, inventore)
ambito culturale: ambito nord-italiano (incisore)
ambito tedesco (inventore)
altre attribuzioni: ambito tedesco (incisore)

DATI TECNICI

xilografia; mm 530 x 375 ca.
materia del supporto: carta
filigrana: assente

STATO DI CONSERVAZIONE

discreto

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: sacra
lingua: latino
tecnica di scrittura: a stampa
tipo di caratteri: gotici
trascrizione: Ave sanctissima Maria mater dei regina celi: porta paradisi : domina mundi : pura singularis tu es virgo : cocepisti ihesum sine / peccato : tu peperisti creatorem et salvatorem mundi in quo non dubito : libera me ab omni malo : et ora per me misero peccatore Amen, / Sixtus papa quarto ocessit cuilibet devote dicenti xi.milia annorum indulgencias










STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

La stampa mostra la Madonna che tiene il Bambino in piedi, il globo terracqueo, la falce di luna, circondata dalle nubi e, agli angoli superiori, Dio Padre e la colomba dello Spirito Santo.

Questa stampa, non inclusa in Schreiber, viene pubblicata e illustrata da Heitz (v. 80, n. 39), che la considera la versione italiana di quella che Schreiber indica come S. 1048a. Entrambe portano nel margine inferiore l'orazione mariana attribuita a Sisto IV. Rispetto alla versione tedesca S. 1048a, il foglio qui schedato presenta, oltre ad alcune varianti in dettagli della composizione (si veda il viso della Vergine etc.), una cornice.
Secondo M. Goldoni (in I legni incisi... 1986, p. 73), anche questa stampa sarebbe tedesca.

La composizione fa parte di un gruppo di stampe con il medesimo soggetto: oltre a S.1048 e S.1048a, già citate e di fattura tedesca, si ricordano S.1047 (ALU.0036), e altre due stampe, rispettivamente ALU.0037 e ALU.0039. A considerare le varianti dei vari fogli e le loro relazioni, si deve probabilmente presupporre l'esistenza di un prototipo (tedesco?) non pervenuto.

Heitz (80-39) descrive questa composizione tra quelle conservate a Modena (Accademia delle Belle Arti), dove non è stato per ora rinvenuto. L'unico esemplare noto è quello conservato a Berlino e qui schedato.

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: scansione da libro
ente proprietario: Berlin, Kupferstichkabinett ©

REPERTORI

BIBLIOGRAFIA

Heitz P., "Italienische Einblättdrucke in den Sammlungen Bremen, Düsseldorf, Hamburg, London, Modena", Einblättdrucke des XV. Jahrhunderts, Strassburg, 1933, v. 80, p. 8 n. 39, tav. 39
Gigante L., I legni incisi della Galleria Estense. Quattro secoli di stampa nell'Italia Settentrionale, Modena, 1986, p. 73, fig. 263

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Aldovini L., 2016
Aldovini L., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ISBN 978-88-96445-24-2 ALU.0041, http://archivi.cini.it:80/cini-web/storiaarte/detail/3317/stampa-3317;JSESSIONID_OPAC_CINI=683040682571A10AEFE340379C457A8D.html