Istituto di Storia dell'Arte / Atlante delle Xilografie italiane del Rinascimento

OGGETTO

definizione: matrice

SOGGETTO

titolo parallelo: MADONNA AND CHILD IN AN ALMOND ON THE CRESCENT MOON
titolo: Metà inferiore di Madonna con il Bambino sulla luna crescente, con in mano il globo terracqueo

LOCALIZZAZIONE

Modena, Gallerie Estensi, Fondo Soliani

ACQUISIZIONE NELLA RACCOLTA

tipo acquisizione: acquisto
Milano, 1887

PROVENIENZA

data ingresso: 1864
data uscita: 1887

DATAZIONE

sec. XV, fine
1490 ca. - 1500 ca.

AUTORE

  • Anonimo (incisore, inventore)
ambito culturale: ambito nord-italiano (incisore)
ambito tedesco (inventore)

DATI TECNICI

xilografia; mm 293 x 387, 25 (spessore matrice) ca.,
materia del supporto: legno

STATO DI CONSERVAZIONE

buono

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: sacra
lingua: latino
tecnica di scrittura: intagliata
tipo di caratteri: gotici
trascrizione: Ave sanctissima Maria mater dei : regina celi: porta paradisi : domina mundi : pura singularis tu es / virgo : concepisti iesum sine peccato : tu peperisti creatorem et salvatorem mundi in quo non dubito : / libera me ab omne malo et ora pro peccatis meis amen [tutta in controparte]










STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

La matrice (incisa anche al verso, si veda sotto) mostra la parte inferiore di una composizione con la Madonna su una falce di luna, che tiene il Bambino in piedi, e il globo terracqueo tra le mani di entrambi.
La composizione fa parte di un gruppo di stampe con il medesimo soggetto, per una sintesi delle quali si rimanda al commento alla scheda ALU.0041.
Si ribadisce la difficoltà di determinare se l'intaglio modenese sia stato influenzato da un prototipo tedesco (si veda ad esempio S.1048a). Per i versi nel margine inferiore, si rimanda al gruppo di opere con questo testo, con varianti, un'indulgenza erroneamente attribuita a Sisto IV, diffusa in raffigurazioni della Madonna in Gloria, ma anche in casi di Adorazioni del Bambino (cfr. anche ALU.0007 e bibliografia relativa).
Si veda inoltre lo studio di Lorenzo Gigante (2018) e l'articolo di chi scrive (Aldovini in corso di stampa).

Della matrice qui schedata si conoscono solo impressioni moderne, cioè nel Catalogo degli eredi Soliani del 1864 (cfr. ALU.0036).
Non si conosce la metà superiore, descritta da Schreiber (S. 1047), ma mai altrimenti rinvenuta nemmeno a stampa (cfr. M. Goldoni in I legni incisi...1986, p. 73). La sopravvivenza della composizione incompleta è dunque da imputare, secondo M. Goldoni, all'essere essa intagliata su un lato della matrice che raffigura dall'altra parte 'S. Maria da Loreto', un soggetto ben più fortunato quanto a diffusione (si veda la scheda ALU.0043-M).

Questa matrice fa parte di un nucleo di circa 2500 legni appartenuti alla famiglia modenese di stampatori/editori Soliani, attiva fin dal 1622, che pubblicava xilografie di carattere popolare e devozionale ricavandole da legni acquistati a Venezia, Ferrara, Milano ecc. La collezione comprende anche matrici di produzione antica che, nel caso di una nuova pubblicazione, a volte venivano rilavorate. Ne furono ricavate tirature moderne nel 1828 e 1864, rilegate e stampate in due cataloghi. I legni Soliani furono poi acquistati dal ‘cartolaio' milanese Pietro Barelli nel 1864: egli a volte intervenne sui legni inserendo monogrammi falsi o con altri tipi di manipolazioni. Nel 1887 le matrici tornarono a Modena ed entrarono a far parte del patrimonio della Galleria Estense in seguito all'acquisto promosso da Adolfo Venturi, allora funzionario ministeriale. Oltre ai legni Soliani, giunsero circa 160 matrici in più di proprietà Barelli (Venturi 1885; Goldoni in I legni incisi della Galleria Estense, 1986, pp. 11-29; Milano in I legni incisi della galleria Estense, 1986, pp. 31-33; Mozzo in Le matrici della Galleria Estense, 2017, pp. 222-257).

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: fotografia digitale
ente proprietario: Modena, Gallerie Estensi ©
note: Creative Commons

REPERTORI

Schreiber W.L., Handbuch der Holz- und Metallschnitte des XV. Jahrhunderts, Leipzig, 1926-1930, II, n. 1047 
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/schreiber1926ga
Field R.S., The Illustrated Bartsch 161-166 (Supplement). German single leaf woodcuts before 1500: Anonymous artists, New York, 1987-2008, v. 164, n. 1047

BIBLIOGRAFIA

Heitz P., "Italienische Einblättdrucke in den Sammlungen Bremen, Düsseldorf, Hamburg, London, Modena", Einblättdrucke des XV. Jahrhunderts, Strassburg, 1933, v. 80, p. 8 n. 40, tav. 40
, I legni incisi della Galleria Estense. Quattro secoli di stampa nell'Italia Settentrionale, Modena, 1986, pp. 73-74 (M. Goldoni)
Rosand D., "The Soliani woodblocks", in Print quarterly, 1990, 7, pp. 72-74, pp. 73-74
Goldoni M., "Dietro un acquisto: motivi inespressi nella cultura di Adolfo Venturi", Gli anni modenesi di Adolfo Venturi, 1994, pp. 147-179, p. 155 fig. 5
Gigante L., "The Madonna del Sangue. A miraculous print in Bagno di Romagna", in Print Quarterly, 2018, XXX, 4, pp. 379-391, p. 385 e passim

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Aldovini L., 2016
Aldovini L., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ISBN 978-88-96445-24-2 ALU.0036-M, http://archivi.cini.it:80/cini-web/storiaarte/detail/3352/matrice-3352;JSESSIONID_OPAC_CINI=2A4979691419B9B1A00EFF701D02116C.html
aggiungi ai preferiti Torna all'esito