OGGETTO

definizione: foglio volante

SOGGETTO

identificazione: ALLEGORIA DELL'AUTUNNO
titolo parallelo: ALLEGORY OF AUTUMN

LOCALIZZAZIONE

Parigi, Bibliothèque nationale de France, Département des Estampes et de la photographie
inv. Réserve BC-8, H105470

PROVENIENZA

DATAZIONE

sec. XVI, metà
1550 ante

AUTORE

ambito culturale: ambito veneto (incisore)
altre attribuzioni: ambito tedesco

EDITORI/STAMPATORI

Claseri Marco, Notizie 1597-1600 (editore)
Venezia, fine XVI

TIRATURA

datazione: fine XVI

DATI TECNICI

xilografia; mm 261 x 345 ca.
materia del supporto: carta
filigrana: da rilevare

STATO DI CONSERVAZIONE

buono
indicazioni specifiche: piega lungo l'asse centrale, stampa incollata su album con ogni probabilità decurtato della parte inferiore su cui era stampato un calendario

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: di titolazione
lingua: volgare
tecnica di scrittura: a stampa
tipo di caratteri: caratteri romani maiuscoli
trascrizione: IL TRIONFO DEL FRVTTVOSO AVTVNNO

tipologia: didascalica
lingua: latino
tecnica di scrittura: a stampa
tipo di caratteri: caratteri romani maiuscoli
trascrizione: OVID. 2. METAMORPH./ STABAT ET AVTVMNVS CALCATIS SORDIDVS VVIS

tipologia: didascalica
lingua: latino
tecnica di scrittura: a stampa
tipo di caratteri: caratteri romani maiuscoli
trascrizione: AVTVMNVS // SEPTEMBER // OCTOBER // NOVEMBER // FEBRIS / ERBATICA // PRIAPVS // BACCHVS // POMONA / ABVNDANCIA // IDROP / ISIS // MELAN / COLICI // SATIRI // INFIRMITAS // COPIECORNV // PALL / AS // SILENVS // NAVSEA // MORBVS

tipologia: letteraria
lingua: volgare
tecnica di scrittura: a stampa tipografica
trascrizione: Io con Pomona da becchi tirati,/ E da Pernici sono l'Autunno,/ Che con Settembre, e con Ottobre amati/ A voi ne vengo d'uve, e frutti alunno:/ Han sotto lor stendardi desiati/ Priapo, e Pall'emula di Nettunno/ La copia, e Bacco: de l'uve fan vino, Mandan la febbre à chi non è indovino. // Il terzo è'l mese dello Sagittario,/ Che innanzi à fe l'abbondanza ne mena,/ Ch'empie de se la fossa, e lo granaio./ Penetra'l Morbo, e Nausea, pols'è vena:/ Satiri insieme con Silen selvario/ Ne van saltando con furia, e con lena,/ I ritruopici, e gli ammalati han guai/ Tanti, che riposar non posson mai. // Le selve spoglia di fiori, frondi, e foglia,/ L'humor de rami manda à le radici,/ Acciò di nuovo buon frutto si coglia:/ Legne si taglia per pian', e pendici,/ Per non sentir de l'aspro freddo doglia/ Diventan gl'antri de le fiere amici./ Simil feste si trovano per tutto,/ Ma raro senza pianto, e senza lutto. [...]

tipologia: letteraria
lingua: volgare
tecnica di scrittura: a stampa tipografica
trascrizione: [...] Io vengo à visitar tua signoria/ Per farti noto in parte il mio amore,/ Io vengo à discoprir mia pena ria,/ Ch'io per e porto à tutte quante l'hore,/ Io vengo per veder tua leggiadria, / e tuoi belli occhi, che m'han tratto'l core./ Et s'io impedisco il tuo dolce dormire/ Perdonami, ch'amor mi fa venire.






STEMMI, MARCHI

tipologia: timbro a inchiostro, di collezione
posizione: in basso al centro
descrizione: Corona e iscrizione "B.R" entro ovale
Bibliothèque nationale de France (Lugt 409)

vedi scheda stemma

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

La stampa comprende un'immagine e un componimento poetico e appartiene a una serie di quattro stagioni (Primavera, ALU.0143.3; Estate, ALU.0144.3; Autunno, ALU.0145.3; Inverno, ALU.0146.3).

La xilografia, un'affollata processione di personificazioni, è un'allegoria dell'autunno e dei mesi che lo compongono. L'Autunno viene rappresentato su un carro trionfale con Pomona, è preceduto da alcune figure mitologiche, tra cui Bacco e Priapo, e seguito da Sileno e varie personificazioni. Nel paesaggio retrostante sono rappresentate varie attività umane associate a questo periodo dell'anno. Compare inoltre il riferimento alle Metamorfosi di Ovidio, con le parole che dedica alla stagione.

I quattro fogli che formano questa serie sono stampati a Venezia da Marco Claseri alla fine del XVI secolo (l'editore risulta attivo tra 1597 e 1600).
È molto probabile che questi fogli siano stati decurtati della parte inferiore che doveva accogliere un calendario affine ai due stampati precedentemente da Giovanni Ostaus (1550 e 1567). Claseri impiega infatti le stesse matrici xilografiche con le stagioni, copia i titoli che le sovrastano e, con alcune aggiunte, il componimento poetico sottostante. Per l'analisi e la disamina delle edizioni note di questa serie di stagioni si veda la scheda ALU.0143.1.

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: fotografia digitale
ente proprietario: Paris, BnF ©

REPERTORI

, Dizionario enciclopedico Bolaffi dei pittori e degli incisori italiani dall'XI al XX secolo, Torino, 1972-1976, X, p. 69 (G. Dillon)

BIBLIOGRAFIA

De Witt A., "Ancora di Gaspare Ruina", in Bollettino d'arte, 1937/1938, 3, Ser. 31, pp. 444-447, pp. 444-447 
http://www.bollettinodarte.beniculturali.it/opencms/multimedia/BollettinoArteIt/documents/1441965159988_05_-_Antony_De_Witt__p._444.pdf
Dodgson C., "Rare Woodcuts in the Ashmolean Museum-VII", in The Burlington Magazine for Connoisseurs, 1938, 73, No. 424 (Jul., 1938), pp. 4-5, 7-9, 12-14, 17, p. 13
Larcher Crosato L., "Di quattro stagioni del Pozzoserrato e la grafica fiamminga", Münchener Jahrbuch der Bildenden Kunst, 1985, pp. 119-130, 122-130
, I legni incisi della Galleria Estense. Quattro secoli di stampa nell'Italia Settentrionale, Modena, 1986, pp. 187-188 n. 233 (D. Landau)
, Fuoco Acqua Cielo Terra: stampe popolari profane della "Civica Raccolta Achille Bertarelli", Vigevano, 1995, p. 196 n. 172 (C. Alberici - A. Milano), p. 196
Urbini S., "Libri di modelli. Repertori per le arti decorative del Rinascimento", La Collezione Gandini. Merletti, ricami e galloni dal XV al XIX secolo, Modena, 2002, pp. 49-51

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Piazzi M.L., 2020
Piazzi M.L., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ISBN 978-88-96445-24-2 ALU.0145.3, http://archivi.cini.it:80/cini-web/storiaarte/detail/44334/foglio-volante-44334;JSESSIONID_OPAC_CINI=9B3054A95C27DE4B87F6F1B4C359E390.html
aggiungi ai preferiti Torna all'esito