Institute of Art History / storiaartexilografie

OBJECT

definition: stampa

SUBJECT

: SUCKLING MADONNA or Madonna of Milk
title: Madonna che allatta il Bambino

LOCATION

Berlino, Staatliche Museen, Kupferstichkabinett
inv. 887-301 (Cass. 45 C 3)

PROVENANCE

Bassano Del Grappa
data uscita: ante 1884

DATE

sec. XV, seconda metà
1470 ca. - 1490 ca.

AUTHOR

  • Anonimo (incisore, inventore)
ambito culturale: ambito nord-italiano (incisore)
ambito nord-italiano (inventore)

TECHNICAL DATA

medium material: carta
watermark: non rilevabile

CONSERVATION

mediocre
specific instructions: foglio strappato lungo tutti i lati, che quindi risultano mancanti di alcune parti della composizione

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTORATIONS

INSCRIPTIONS











STEMMI, MARCHI

HISTORICAL INFORMATION

La stampa qui schedata presenta, per quanto è possibile vedere dal frammento rimasto, la Madonna che allatta il Bambino.
La stampa costituisce uno dei rari esempi di grandi xilografie italiane sopravvissute dal Quattrocento, analogamente alla celebre Madonna del Fuoco di Forlì (ALU.0055), alla Madonna del V&A (ALU.0035), e a quella del British Museum (ALU.0034), con cui condivide l'utilizzo che di questi fogli si faceva ab antiquo. Questa Madonna che allatta il Bambino si trovava infatti in una casa di Bassano del Grappa, demolita prima del 1884; le cattive condizioni in cui versa attualmente derivano appunto probabilmente dal distacco dal supporto ligneo. Alla destinazione è dovuta anche la coloritura sopravvissuta, in rosa, blu e vari toni di rosso e giallo.

Pare che, oltre a questa e a quella del BM, altre stampe provenienti dalla stessa casa siano oggi conservate a Berlino (Lippmann 1884, p. 316). Hind (1935, p. 430), fornisce informazioni grazie alle quali possiamo ricostituire un nucleo (da verificare): la lista comprende dunque, oltre all'opera qui schedata, anche
- la Madonna del BM già citata (ALU.0034, cui si rimanda anche per le particolari analogie iconografiche);
- la Madonna ALU.0047;
- i frammenti della Passione di Cristo ALU.0313;
- i frammenti dell'Ultima Cena ALU.0314;
- i frammenti ALU.0315;
- le due teste di Apostoli ALU.0316;
- la scena S.636, ALU.0317;
- il Salvator Mundi ALU.0319;
- la Crocifissione ALU.0320.

Secondo Hind dovrebbero far parte dello stesso nucleo anche il Cristo che porta la croce S.338 (ALU.0318) e la Madonna del Rosario S.1127 (ALU.0321).

Il foglio qui schedato è stato individuato da Venturi (1885) come l'unico esemplare antico sopravvissuto relativo alla matrice ancora conservata a Modena, nel Fondo Soliani (ALU.0044-M), anche se secondo alcuni studiosi si tratterebbe di un'opera più antica, di cui il legno di Modena costituirebbe una copia più moderna (si veda anche il caso del Cristo portacroce, ALU.0001 e ALU.0002-M). Se così fosse, la composizione intera dovrebbe prevedere, a fianco della Madonna col Bambino, due coppie di Santi, a sinistra le vergini Caterina e Lucia, a destra gli eremiti Giovanni Battista e Antonio abate, e, nei tondi agli angoli in alto, l'Annunciazione.

A farci propendere per l'ipotesi che la stampa qui schedata derivi da una matrice diversa da quella di Modena, possiamo rilevare diversi dettagli che presentano differenze seppur minime. Uno di questi è ad esempio il bordo decorato (e leggermente incurvato) che si intravvede in basso, sotto la mano della Vergine, assente nel legno modenese. Sembra inoltre di riconoscere un accenno di qualche elemento decorativo sottostante: forse una tenda? O il profilo di un bordo? (anche in altro, tra l'altro, sembra esserci cenno di una cornice).

PHOTOGRAPHS

type of material: fotografia digitale
author: Laura Aldovini/ Silvia Urbini
ente proprietario: Berlin, Kupferstichkabinett ©

BIBLIOGRAPHY

Schreiber W.L., Handbuch der Holz- und Metallschnitte des XV. Jahrhunderts, Leipzig, 1926-1930, II, n. 1045 
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/schreiber1926ga
Field R.S., The Illustrated Bartsch 161-166 (Supplement). German single leaf woodcuts before 1500: Anonymous artists, New York, 1987-2008, 164, n. 1045

BIBLIOGRAPHY

Lippmann F., "Der italienische Holzschnitt im XV. Jahrhundert", in Jahrbuch der Koeniglich Preussischen Kunstsammlungen, 1884, V, pp. 3-26, 179-207,305-327, pp. 305-327 
https://www.digizeitschriften.de/dms/toc/?PID=PPN523141572_0005
Venturi L., "Über einige alte Italianische Holzschnitte", in Der Kunstfreund, 1885, pp. 356-358, p. 357
Heitz P., "Italienische Einblättdrucke in den Sammlungen Bremen, Düsseldorf, Hamburg, London, Modena", Einblättdrucke des XV. Jahrhunderts, Strassburg, 1933, v. 80, p. 8 n. 40a
Heitz P., "Italienische Einblättdrucke in den Sammlungen Bassano und Berlin", Einblättdrucke des XV. Jahrhunderts, Strassburg, 1933, n. 12, tav. 12
Hind A.M., An Introduction to a History of Woodcut, London, 1935, p. 430
, I legni incisi della Galleria Estense. Quattro secoli di stampa nell'Italia Settentrionale, Modena, 1986, pp. 75-76 sotto n. 20, tav. 14

MOSTRE/ESPOSIZIONI

ENTRY'S AUTHOR

Aldovini L., 2016
Aldovini L., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ALU.0045, https://archivi.cini.it/storiaarte/detail/4454/stampa-4454.html
add to favorites back to the results

other relations