Istituto di Storia dell'Arte / storiaartexilografie

OGGETTO

definizione: stampa
identificazione: elemento d'insieme Storie di Ercole

SOGGETTO

titolo parallelo: HERCULES DEATH
titolo: Morte e Apoteosi di Ercole

LOCALIZZAZIONE

Berlino, Staatliche Museen, Kupferstichkabinett

PROVENIENZA

DATAZIONE

sec. XVI, fine/inizio
1500 ca. - 1510 ca.

AUTORE

altre attribuzioni: Vavassore Florio

DATI TECNICI

xilografia; mm 284 x 194 ca.
materia del supporto: carta
filigrana: non rilevabile (incollata)

STATO DI CONSERVAZIONE

discreto
indicazioni specifiche: rifilato e incollato al supporto di montaggio

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: didascalica
tecnica di scrittura: a stampa
trascrizione: Hercol io son che con la donna mia / Volendo un fiume pel camin passare / Nesso vi gionse per lacquoso via / E mi promesse la voler varcare / Usomi quel una gran scortesia / Che deianira nu volea furare / Io mene acorsi econ horibil frecta / Il cor li tolsi con la mia saiecta

tipologia: indicazione di responsabilità
tecnica di scrittura: a stampa
trascrizione: Opera di Giova[n] / ni Andrea Valavas / sori detto Guadagni[n]o

tipologia: didascalica
tecnica di scrittura: a stampa
trascrizione: Sepultura / di Hercule








STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

La stampa fa parte di una serie di 10 composizioni (ma in origine dovevano presumibilmente essere 12) realizzate da Giovanni Andrea Vavassore detto Guadagnino, come indicato anche nella tavoletta visibile nell'ultimo episodio della serie (La morte e apoteosi di Ercole, ALU.0343.1).
Si conserva una matrice che presenta le prime due composizioni della serie, disposte una accanto all'altra, si veda ALU.0334-M e ALU.0335-M.
Per un approfondimento sulla serie si veda la scheda ALU.0334-M.

L'unica serie completa di impressioni degli episodi è quella conservata a Berlino, di cui questo esemplare fa parte. Un altro esemplare di questo episodio è conservato a Parigi, Bnf (ALU.0343.2).

L'esemplare qui schedato appartiene ad una tiratura piuttosto tarda: il legno presentava, oltre a diversi fori da tarli, anche fratture e lacune ad esempio nel bordo.

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: fotografia digitale
ente proprietario: Berlin, Kupferstichkabinett ©

REPERTORI

BIBLIOGRAFIA

Essling V., Massena, Prince d', Les livres a figures venitiens de la fin du XVe siecle et du commencement du XVIe, Firenze-Paris, 1907-1914, IV, p. 116
, I legni incisi della Galleria Estense. Quattro secoli di stampa nell'Italia Settentrionale, Modena, 1986, pp. 82-83 sotto n. 227 (M. Goldoni)
Scaglia G., "Les Travaux d'Hercule de Giovanni Andrea Vavassore reproduits dans les frises de Vélez Blanco", in Revue de l'art, 2000, 127, pp. 22-31, pp. 22-31

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Aldovini L., 2021
Aldovini L., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ALU.0343.1, https://archivi.cini.it/storiaarte/detail/47837/stampa-47837.html