Istituto di Storia dell'Arte / storiaartexilografie

OGGETTO

definizione: stampa

SOGGETTO

titolo parallelo: STORIES OF THE PASSION OF CHRIST
titolo: Ingresso di Gesù a Gerusalemme

LOCALIZZAZIONE

Londra, British Museum, Department of Prints and Drawings

PROVENIENZA

DATAZIONE

sec. XVI, primo quarto
1500 - 1525

AUTORE

DATI TECNICI

xilografia; mm 248 x 250
materia del supporto: carta
filigrana: da rilevare

STATO DI CONSERVAZIONE

buono

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

lingua: latino
tecnica di scrittura: a stampa
tipo di caratteri: caratteri gotici minuscoli
autore: Jacopo da Strasburgo
trascrizione: 'a'










STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

A questa scheda sono collegate altre quindici schede: 13 per gli altri episodi del ciclo della Passione (ALU.0153.1, ALU.0154.1, ALU.0155.1, ALU.0156.1, ALU.0157.1, ALU.0158.1, ALU.0159.1, ALU.0160.1, ALU.0161.1, ALU.0162, ALU.0163, ALU.0164.1, ALU.0165.1); una per una matrice collegata a una delle xilografie, conservata presso i Musei Civici di Padova (ALU.0901-M); una per un esemplare del ciclo incollato al coro di Santa Chiara nella Chiesa di San Damiano ad Assisi (ALU.0166).

La xilografia con l'Ingresso di Gesù a Gerusalemme è contrassegnata da Jacopo da Strasburgo con la lettera gotica minuscola ‘a' in basso al centro ed è quindi la prima della serie. Per questa e per le due xilografie che seguono, l'Ultima cena e la Lavanda dei piedi, non sono state individuate fonti iconografiche specifiche. Gesù avanza da sinistra verso destra sul dorso di un asino. È seguito dagli Apostoli e preceduto dagli abitanti di Gerusalemme che sono giunti ad accoglierlo festanti alla porta della città.

Per quello che sappiamo, nessuna istituzione museale, nessuna biblioteca, chiesa o collezione privata possiede il ciclo completo dei tondi della Passione di Jacopo da Strasburgo. Jean Michel Massing ha ricostruito il ciclo collazionando gli esemplari superstiti nelle diverse raccolte. I soggetti dei quattordici tondi sono: Ingresso di Gesù a Gerusalemme, Ultima Cena, Lavanda dei piedi, Preghiera nel Giardino degli Ulivi, Arresto di Gesù, Gesù interrogato da Caifa, Flagellazione, Incoronazione di spine, Ecce Homo, Cristo davanti a Pilato, Trasporto della Croce, Crocifissione, Deposizione dalla Croce, Resurrezione.
In ogni tondo Jacopo ha inciso in basso una lettera in carattere gotico minuscolo che doveva servire come guida per rispettare la corretta sequenza. Il tondo con la Flagellazione è firmato a destra "opus.Iacobi".
La più parte di queste composizioni dipende dalle dodici incisioni del ciclo della Passione di Cristo di Martin Schongauer (TIB 0801.019-030 (B.9-20)), mentre la Flagellazione e la Deposizione dalla Croce – in parte – da due incisioni col medesimo soggetto legate alla bottega di Mantegna (TIB 025.009 (B.1) e TIB 025.011 (B.4)). In, generale, il passaggio dalla composizione rettangolare ad una circolare impone a Jacopo strategie di costrizione e di riposizionamento delle figure rispetto ai modelli.

Un unico esemplare superstite del ciclo mostra come era stato concepito in origine da Jacopo. Nel coro di Santa Chiara nella Chiesa di San Damiano di Assisi, i tondi con le xilografie incollate agli stalli, sono circondati da un sistema xilografico costituito da un montaggio di testi e immagini. I grandi tondi centrali con la Passione sono circondati da una spessa cornice a bianchi girari su fondo nero. Sopra e sotto i grandi tondi sono stampate alcune righe di testo. Ai quattro lati dei grandi tondi, sono presenti tondi più piccoli con altri episodi del Vangelo

Esemplari con i quattordici tondi della Passione sono conservati al British Museum, a Berlino, a New York e nella chiesa di san Damiano ad Assisi (per quest'ultima serie, si veda ALU.0166).

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: fotografia digitale
ente proprietario: London, British Museum ©
note: Creative Commons

REPERTORI

Zijlma R., "Jacob (Jakob) von Strassburg", The Hollstein's German engravings, etchings and woodcuts, 1986, pp. 197-206

BIBLIOGRAFIA

Lippmann F., The Art of Wood-Engraving in Italy in the Fifteenth Century, London, 1888, pp. 112-120 
https://archive.org/stream/artofwoodengravi00lipp#page/n7/mode/2up
Bracaloni L., "Antiche stampe della passione in S. Damiano di Assisi", in Studi Francescani, 1923, pp. 158-162, pp. 158-162
Massing J.M., "Jacobus Argentoratensis, étude préliminaire", in Arte Veneta, 1977, pp. 42-52, pp. 42-52
Massing J.M., "Jacobus Argentoratensis", in Print Quarterly, 1987, pp. 297-298
McDonald M. P., The Print Collection of Ferdinand Columbus (1488-1539). A Renaissance Collector in Seville, London, 2004, pp. 495-496, n. 2721, figg. 399-400
Armstrong L., "The Triumph of Caesar Woodcuts of 1504 And Triumphal Imagery in Venetian Renaissance Book", Grand Scale. Monumental Prints in the Age of Dürer and Titian, 2008, pp. 53-71, pp. 59
Landau D., "L'arte dell'incisione a Venezia ai tempi di Manuzio", Aldo Manuzio e il rinascimento a Venezia, Venezia, 2016, pp. 107-135, pp. 107-135

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Urbini S., 2016
Urbini S., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ALU.0152.1, https://archivi.cini.it/storiaarte/detail/5359/stampa-5359.html