OGGETTO

definizione: stampa

SOGGETTO

identificazione: SACRIFICIO DI ISACCO
titolo parallelo: SACRIFICE OF ISAAC

LOCALIZZAZIONE

Bassano del Grappa, Museo Civico, Collezione Remondini

ACQUISIZIONE NELLA RACCOLTA

tipo acquisizione: donazione
Bassano del Grappa, 1849

PROVENIENZA

Bassano Del Grappa, Collezione Remondini
data ingresso: sec. XVIII (ultimo quarto)
data uscita: 1849

DATAZIONE

sec. XVI, primo quarto

AUTORE

EDITORI/STAMPATORI

STATO DELLA STAMPA

quinto stato

DATI TECNICI

xilografia; mm 790 x 1076
materia del supporto: carta
filigrana: da rilevare

STATO DI CONSERVAZIONE

buono

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI

tipologia: indicazione di responsabilità
tecnica di scrittura: a stampa
tipo di caratteri: caratteri gotici
autore: Carpi, Ugo da
trascrizione: VGO

tipologia: didascalica
lingua: volgare
tecnica di scrittura: a stampa
tipo di caratteri: lettere capitali romane
trascrizione: SACRIFICIO DEL PATRIARCA/ ABRAMO/ DEL CELEBRE TIZIANO









STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Xilografia in 4 blocchi.
Di questa stampa sono state pubblicate almeno sette edizioni (quella oggetto di questa scheda e ALU.0175.1, ALU.0175.2, ALU.0175.3, ALU.0175.4, ALU.0175.6, ALU.0175.7), ognuna delle quali, nel riquadro nel blocco a sinistra in alto, reca un'iscrizione diversa.
Per la descrizione del Sacrificio di Isacco si veda ALU.0175.1

Nella quinta edizione del Sacrificio di Abramo (esposta in Muraro e Rosand 1976) il riquadro nel blocco a sinistra presenta un'iscrizione dove per la prima volta è citato Tiziano: SACRIFICIO DEL PATRIARCA ABRAMO DEL CELEBRE TIZIANO. IN VERONA PER GLI EREDI DI MARCO MORONI (nell'esemplare conservato questa iscrizione è stata abrasa). I blocchi sono ulteriormente logorati rispetto alle edizioni recedenti. In basso a destra si è completamente aperta una crepa che nella seconda edizione era ancora sottile. Anche in altri punti risultano evidenti spaccature nei blocchi. Nell'esemplare conservato al Museo Correr, l'iscrizione dell'editore Marco Maroni, editori di stampe popolari nel Settecento e primo Ottocento, è presente. Essa non faceva parte del blocco originale e fu aggiunta più tardi.

Questa xilografia apparteneva alla collezione privata della famiglia Remondini, che comprende 8522 stampe, donate da Giovanni Battista Remondini al Museo Civico di Bassano nel 1849. Come ricostruito da Fernando Rigon la collezione risultava già completa in un inventario manoscritto del 1827, divisa in 79 cartelle per scuola ed epoca, nell'ordine mantenuto fino ad oggi. Rigon riferisce che "trae origine nell'ultimo trentennio del sec. XVIII dal concorso di due distinte raccolte: ad un primo nucleo comprendente incisioni italiane, fiamminghe, francesi, che poco prima del 1777 il conte Antonio Remondini aveva acquistato da un non meglio identificato "celebre uomo di gusto fino e sicuro" si venne ad aggiungere, verso il 1794, la collezione di esemplari italiani e stranieri messa insieme a Venezia dal pittore e incisore don Bernardo Ziliotti. Questi già cospicui gruppi furono poi incrementati e spesso completati per settori e scuole di quanto gli stessi Remondini, favoriti dalla loro attività calcografica, erano andati e andavano raccogliendo per scambi e acquisti" (Rigon in Nicolaes Berchem, incisore e inventore 1620 - 1683 :stampe dalla Collezione Remondini 1981, p. 7). Quasi tutte le stampe sono rifilate lungo i bordi e incollate a grandi fogli di cartoncino grigio-azzurro (76x54 cm ca.).

Altri esemplari:

Venezia, Collezione Feliciano Benvenuti (completa)

Venezia, Museo Correr, Gabinetto Stampe e Disegni, Vol. st. A 15/30 (completa)


DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: scansione da libro
note: Creative Commons

REPERTORI

Borea E., Lo specchio dell'arte italiana. Stampe in cinque secoli, Pisa, 2009, v. I, p. 65, v. II, fig. IV/2

BIBLIOGRAFIA

, Robin Halwas Booksellers Agents and Dealers in Fine Art, London 
https://www.robinhalwas.com/004924-sacrificio-del-patriarca-abraham
Fulin R., "Documenti per servire alla storia della tipografia veneziana", in Archivio Veneto, Venezia, 1882, p. 188, doc. 207
Mauroner F., Le incisioni di Tiziano, Venezia, 1941
Dreyer P., Tizian und sein Kreis, 50 venezianische Holzschnitte aus dem Berliner Kupferstichkabinett, Staatliche Museen Preussischer Kulturbesitz, Berlin, 1971, pp.32-41
, Tiziano e la silografia veneziana del Cinquecento, Vicenza, 1976, pp. 78-80
Karpinski C., "Some woodcuts after early designs of Titian", in Zeitschrift für Kunstgeschichte, München-Berlin, 1976, pp. 258-274, pp. 258-274
, Incisioni da Tiziano. Catalogo del fondo grafico a stampa del Museo Correr, Venezia, 1982, pp. 27-29
Johnson J., "I chiaroscuri di Ugo da Carpi", in Print Collector - Il conoscitore di stampe, Milano, 1982, pp. 14-17
Landau D., "Printmaking in Venice and the Veneto", The Genius of Venice, 1500-1600, London, 1983, pp. 320-321
, Kunst der Reformationszeit: Ausstellung im Alten Museum vom 26. August bis 13. November 1983, Berlin, 1983
Oberhuber K., Le siècle de Titien, 1993, pp. 474-474
Rapp J., "Tizians frühestes Werk: der Großholzschnitt “Das Opfer Abrahams”", in Bruckmanns Pantheon, 1994, pp. 43-61, pp. 43-61
, Titian to 1518 : the assumption of genius, New Haven, 2001
McDonald M. P., The Print Collection of Ferdinand Columbus (1488-1539). A Renaissance Collector in Seville, London, 2004, n. 2686
, Ugo da Carpi. L'opera incisa. Xilografie e chiaroscuri da Tiziano, Raffaello e Parmigianino, Carpi, 2009, pp. 112-113 (Urbini S.)
Lüdemann P., "Il Trionfo di Cristo tra dibattiti di cronologia, prestiti formali e questioni storico-iconografiche", Tiziano, Venezia e il papa Borgia, Firenze, 2013, pp. 113-125, pp. 113-125
Landau D., "L'arte dell'incisione a Venezia ai tempi di Manuzio", Aldo Manuzio e il rinascimento a Venezia, Venezia, 2016, pp. 107-135, p. 132
Lüdemann P., Tiziano. Le botteghe e la grafica, Firenze, 2016

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Urbini S., 2016
Urbini S., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ALU.0175.5, https://archivi.cini.it/storiaarte/detail/6760/stampa-6760.html