Istituto di Storia dell'Arte / Atlante delle Xilografie italiane del Rinascimento

OGGETTO

definizione: stampa

SOGGETTO

titolo parallelo: The presentation of the Virgin in the temple
titolo: Presentazione della Vergine al tempio

PROVENIENZA

DATAZIONE

sec. XVI, secondo quarto
1530 ca. - 1535 ca.

AUTORE

ambito culturale: padano (incisore)
altre attribuzioni: Ugo da Carpi (incisore)

DATI TECNICI

chiaroscuro; mm 355 x 373
materia del supporto: carta

STATO DI CONSERVAZIONE

buono

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE

RESTAURI

ISCRIZIONI











STEMMI, MARCHI

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Il ciclo delle Storie della Vergine nella volta dell'abside del Duomo di Verona fu commissionato a Giulio Romano dal vescovo Matteo Giberti nel 1534. Giulio realizzò i disegni e i cartoni ma, essendo assorbito dalle commissioni gonzaghesche, demandò l'esecuzione degli affreschi al pittore veronese Francesco Torbido. Il ciclo comprende nella volta la Nascita della Vergine e la Presentazione della Vergine al Tempio, inframmezzate da Tre angeli in volo che portano una corona; nella lunetta l'Annunciazione e nel catino absidale l'Assunzione della Vergine. Dei primi tre soggetti esistono le trasposizioni in chiaroscuro: ALU.1058, ALU.1060, ALU.1059. Si tratta di stampe pregevoli, di ragguardevoli dimensioni, ammirate da Bartsch, pubblicate in facsimile da Servolini, ma poi un po' cadute nel dimenticatoio.
I tre chiaroscuri in questione (la Nascita della Vergine e la Presentazione al Tempio a due legni, i Tre angeli in volo a tre legni, tutti nei toni del seppia, scuro e chiaro), sono – comme il faut – nello stesso verso degli affreschi. I primi due presentano alcuni particolari risolti in modo differente rispetto agli affreschi, entrambi nelle parti superiori di destra (per chi guarda): nella Nascita della Vergine manca la finestra, nella Presentazione al Tempio c'è un angelo che versa dell'acqua da una brocca per spegnere il candelabro a sette braccia. Dei Tre angeli in volo che portano una corona rimane il disegno preparatorio, al Louvre, che coincide sia con l'affresco che con il chiaroscuro. È difficile che un particolare bello come l'angelo che spegne il candelabro nella Presentazione al Tempio sia stato inventato dallo xilografo: egli dovette quindi avere a disposizione – oltre al disegno dei Tre angeli in volo –, anche quelli delle altre due composizioni, ma in una versione non esattamente identica alle versioni affrescate. Solo della Nascita della Vergine esiste la traduzione a bulino (Massari 1993, n. 177): è di qualità mediocre, in controparte rispetto all'affresco, con la poco credibile aggiunta di alte fiamme che salgono dal braciere: evidentemente in questo caso, la versione su legno precede quella su metallo.
Servolini segnala; due stati della stampa, il primo senza alcun nome, il secondo con il nome di Giulio Romano; esemplari a Copenhagen, Londra British Museum (2), Vienna, Albertina.

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

tipologia: foto digitale
ente proprietario: Londra, British Museum ©

REPERTORI

BIBLIOGRAFIA

Urbini S. , Roma, 2022 , n. 177, tavv. XXV, XXVI, XXIX

MOSTRE/ESPOSIZIONI

AUTORE DELLA SCHEDA

Urbini S., 2022
Urbini S., Atlante delle xilografie italiane del Rinascimento, ALU.1060, https://archivi.cini.it/storiaarte/detail/53185/stampa-53185.html
aggiungi ai preferiti Torna all'esito